Salta al contenuto principale

Città di Fara in Sabina

Emergenza Coronavirus

Martedì, 21 Luglio 2020 08:31

Comunicazione

 

Purtroppo, dopo solo 10 giorni dall’ultimo guarito, il Covid-19 si è ripresentato nel nostro comune.
La Asl di Rieti, infatti, mi ha comunicato 3 nuovi casi positivi.
Le persone fanno parte dello stesso nucleo familiare, le ho contattate e mi hanno confermato che stanno bene e risultano asintomatiche.
Gli altri componenti del nucleo sono stati posti in isolamento domiciliare.
Le autorità sanitarie mi hanno garantito che tutte le misure di sicurezza necessarie sono state immediatamente messe in atto, ed è stata già avviata l’indagine epidemiologica per tracciare eventuali contatti.
I nuovi casi sono riconducibili al cluster del San Raffaele di Roma e alla persona purtroppo deceduta di Montopoli.
Bisogna essere pazienti, responsabili e prestare massima attenzione usando il distanziamento sociale, lavando spesso le mani ed usando le mascherine dov’è richiesto.
Dovremo abituarci al fatto che il virus si ripresenterà ma la cosa importante è contenerlo, limitando il più possibile la diffusione, proteggendo le persone più a rischio.
Solo collaborando tutti insieme potremmo riuscirci.

 

Si avvisano i cittadini che l’ufficio dei Servizi Sociali ha provveduto a riaprir

e i termini per richiedere i bonus alimentari con gli ultimi fondi che la Regione ha messo a disposizione dei comuni. Si puó fare richiesta fino al 26.05.2020

Possono partecipare tutti i cittadini di Fara in Sabina che possiedono i seguenti requisiti:

 Residenza/domicilio nel Comune di Fara in Sabina;

 In caso di cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea, il possesso di un titolo di soggiorno in corso di validità, anche in scadenza nel periodo 31 gennaio 2020 e 15 aprile 2020 in quanto prorogato a norma vigente fino al 15 giugno 2020;

 Essere in carico ai servizi sociali comunali; qualora il nucleo familiare non risulti in carico, il Segretariato Sociale ne accerta lo stato di bisogno e procede alla presa in carico mediante il Servizio Sociale Professionale;

 Trovarsi in una situazione di bisogno causata dall’applicazione delle norme relative al contenimento della epidemia da COVID-19, previa autocertificazione che ne attesti lo stato, che comporti una sostanziale riduzione e/o assenza di reddito;

 Non essere beneficiari di altre forme di sostegno al reddito e alla povertà erogati da enti pubblici ad esclusione di quelle previste dalle norme relative al contenimento della epidemia da Covid-19;

 Appartenere ad un Nucleo familiare che non sia titolare di conti e/o depositi bancari o postali complessivamente superiori a € 5.000,00 alla data del 31 marzo 2020;

 Appartenere ad un nucleo familiare che seppure titolare di una qualsiasi forma di reddito, versa in una delle seguenti condizioni:

a) Nucleo familiare che sostiene le spese per l’affitto dell’abitazione privata in cui risiede o è domiciliato, e che abbia alla data della domanda una disponibilità economica mensile complessiva, al netto della quota dell’affitto, determinata da redditi di qualunque natura (da lavoro dipendente, autonomo, pensione, Cassa Integrazione, Reddito di cittadinanza…), non superiore a quanto indicato alla Tabella 1;

oppure

b) Nucleo familiare che ha contratto un mutuo per l’acquisto della prima casa dopo il 1° aprile 2019 e non risulti beneficiario della sospensione del mutuo disposto dal Decreto Cura Italia, e che abbia alla data della domanda una disponibilità economica mensile complessiva al netto della quota della rata mensile del mutuo determinata da redditi di qualunque natura (da lavoro dipendente, autonomo, pensione, Cassa Integrazione, Reddito di cittadinanza …), non superiore a quanto di seguito indicato alla Tabella 1;

oppure

c) Nucleo familiare titolare di un’abitazione di proprietà, o comunque in uso a titolo gratuito, che abbia alla data della domanda una disponibilità economica mensile complessiva determinata da redditi di qualunque natura (da lavoro dipendente, autonomo, pensione, Cassa Integrazione, Reddito di cittadinanza…) non superiore a quanto indicato alla Tabella 1.

TABELLA 1: LIMITI MASSIMI DISPONIBILITA’ ECONOMICA MENSILE
Fino a € 350,00 per i nuclei composti da 1 persona
Fino a € 500,00 per i nuclei composti di 2 persone
Fino a € 650,00 per i nuclei composti di 3 persone
Fino a € 800,00 per i nuclei composti di 4 persone
Fino a € 1.000,00 per i nuclei composti di 5 o più persone

 Il richiedente non deve aver presentato analoga richiesta presso un altro Comune, né direttamente né attraverso altro familiare convivente.

non saranno ammessi cittadini che hanno già ricevuto buoni spesa erogati con fondi messi a disposizione del Governo

possono fare nuovamente domanda i cittadini che hanno già ricevuto i buoni spesa erogati con fondi Regionali

➡️ Il buono spesa ha un valore di 5 € a persona/giorno, elevabile a 7 € in caso in cui il destinatario sia un minore. Al fine di raggiungere il maggior numero di soggetti possibile il massimo importo concedibile in buoni spesa per singolo nucleo familiare ammonta a 100 € a settimana, per un massimo di n. 1settimane. Le spese per medicinali sono riconosciute con riguardo alla situazione di disagio economico fino a un massimo di 100 €/mese.

➡️ Nel caso in cui le richieste pervenute al protocollo nei termini indicati non siano sufficienti ad esaurire le risorse assegnate dalla Regione Lazio, l’Ufficio Servizi Sociali procederà alla riapertura dei termini di presentazione delle domande, a cui potranno essere ammessi anche i cittadini già assegnatari del contributo a valere sul finanziamento regionale, sino a completo esaurimento del fondo.

➡️Nel caso in cui le risorse finanziarie non siano sufficienti a soddisfare tutte le richieste verrà data priorità a chi dichiara di NON beneficiare né lui né alcun componente del proprio nucleo di altre forme di sostegno al reddito e alla povertà erogati da Enti pubblici e in subordine a chi NON è già risultato beneficiario di buoni spesi erogati con l’avviso di cui all’ordinanza del Capo della Protezione Civile n. 658 del 29.03.2020.
Successivamente verranno prese in esame le domande secondo l’ordine di arrivo al protocollo delle stesse, fino a concorrenza del contributo assegnato al Comune di Fara in Sabina con DGR Lazio n.138/2020.

➡️ Per fare la domanda dovrete sottoscrivere e presentare tramite mail, all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., apposito modulo disponibile online e indicare nell’oggetto: Emergenza Covid – 19. Domanda di ammissione all’erogazione sostegno economico di cui alla DGR Lazio n. 138/2020.

➡️ La consegna dei buoni ai beneficiari avverrà direttamente a domicilio tramite i volontari delle associazioni che fanno parte del Centro Operativo Comunale.

Per avere maggiori informazioni consultare il sito internet

 https://www.farainsabina.gov.it/news-e-comunicati-stampa/item/2568-avviso-pubblico-dgr-lazio-138-2020-assegnazione-buoni-spesa-una-tantum-a-nuclei-familiari-in-situazione-di-contingente-indigenza-economica-derivante-dalla-emergenza-epidemiologica-covid-19.html

 
 

 

Negli ultimi giorni non abbiamo riscontrato nessun nuovo caso positivo in città. Resta soltanto una persona ancora positiva al Covid-19 e 3 le persone in isolamento domiciliare.
Oggi abbiamo deciso di riaprire interamente il mercato settimanale di Passo Corese e tutti i mercati cittadini.
Siamo uno dei primi comuni ad aver fatto questa scelta. Era fondamentale per noi che anche questo settore ripartisse.
Gli ambulanti, al pari delle attività commerciali, sono stati duramente colpiti dalla crisi economica e finalmente da oggi possono ricominciare a lavorare.
Tra i banchi parlando con tanti di voi ho respirato fiducia, voglia di ricominciare ma anche paura e timore per un futuro incerto.
Dovremo familiarizzare con una “diversa normalità“, con una graduale e controllata ripartenza per tornare a vivere le nostre Comunità.
Dovremo convivere a lungo con questo virus ma il senso di responsabilità che ognuno di noi ha ci permetterà di farlo serenamente.
Non è certo con minacce di nuovi lockdown e di nuovi, e a volte fantasiosi, divieti che si affronta questa “fase 2” perché possiamo, anzi dobbiamo tornare a vivere e per farlo dobbiamo rispettare poche, semplici e basilari regole: distanziamento sociale e uso dei DPI quando necessari.
Siamo solo all’inizio di un lungo percorso ma so che insieme saremo capaci di riprenderci il nostro futuro!

 

Ancora buone notizie per la nostra Fara: un altro cittadino è guarito dal Covid-19!
In più, nelle ultime 48 ore, non si registra nessun nuovo caso.
Scendono a 6 le persone positive e soltanto 1 risulta in isolamento domiciliare.
In tanti mi state chiedendo info certe sulla riapertura delle attività commerciali ancora chiuse il 18 maggio. Le aspettative sono tantissime e tutte più che legittime visto che siete stati costretti alla chiusura per oltre due mesi. Al sollievo per l’imminente riapertura si somma l’ansia legata ad un futuro economico molto difficile e le tantissime preoccupazioni sulle misure di sicurezza che dovranno essere adottate. Ma siamo ancora in attesa di notizie certe e di risposte chiare da parte del Governo.
Da Sindaco sono vicino a tutti i miei cittadini che tra mille difficoltà stanno lottando per ripartire.
Appena ci saranno notizie certe le comunicheremo. Continuano i preparativi per la riapertura del settore alimentare del mercato di Passo Corese giovedì 14 maggio, ringrazio la Polizia Locale che sta predisponendo tutte le misure per garantire ai cittadini una spesa in totale sicurezza. Ci sarà un percorso con entrata contingentata e ognuno rispetterà le distanze di sicurezza. Ovviamente l'obbligo per tutti è di indossare guanti e mascherina.
Stiamo studiando la riapertura di tutti i mercati della città per tutte le tipologie di merci, ma anche per questo aspettiamo notizie definitive dal Governo.
Giorno dopo giorno lavoriamo per far ripartire la nostra città in sicurezza! Insieme ci riusciremo!

 

Nelle ultime 48 ore non si registra nessun nuovo caso positivo al Covid-19 in città!
Restano 7 le persone positive e soltanto 2 poste in isolamento domiciliare.
Una buona notizia ce l’ha appena comunicata la Asl di Rieti, per la prima volta dall’inizio di questa emergenza in tutta la Provincia il numero delle persone guarite supera quello dei positivi!
Un passo alla volta vinceremo questa battaglia!

 Anche oggi nessun caso positivo nella nostra città! Resta invariata la situazione relativa all’emergenza sanitaria Covid-19 con 7 positivi. Qualche novità invece per le nostre attività commerciali. Ho appena firmato un’Ordinanza Sindacale che fissa i nuovi orari di apertura. Per tutti gli esercizi commerciali, al di là della tipologia, da domani abbiamo liberalizzato gli orari di apertura e fissato quelli di chiusura alle 21.30. Mentre i pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie al taglio, ecc.) potranno rimanere aperti, oltre le ore 21.30, per il servizio da asporto, garantendo sempre il distanziamento sociale. Una misura che consentirà flessibilità ai commercianti e la possibilità di spalmare su più ore l’afflusso delle persone. Questo per evitare assembramenti e orari troppo ristretti. Novità anche per il mercato di via dei Bretoni a Passo Corese, da giovedì 14 maggio riaprirà esclusivamente il settore alimentare, garantendo la giusta distanza tra i banchi e regolamentando i flussi di persone rigorosamente nel rispetto delle disposizioni di sicurezza interpersonale e del distanziamento sociale. Insieme facciamo ripartire Fara in sicurezza!