Salta al contenuto principale

Città di Fara in Sabina

Venerdì, 24 Aprile 2020 12:40

BUONI ALIMENTARI

Da oggi, fino al 4 maggio, sul sito istituzionale del comune sarà possibile richiedere il buono alimentare che la Regione Lazio ha messo a disposizione dei comuni. Alla nostra città sono stati assegnati 55098,51€ che verranno distribuiti sulla base dei criteri stabiliti dalla Regione stessa.
Con i due finanziamenti ci siamo voluti rivolgere a tutte le fasce di popolazione colpite dalla crisi economica che stiamo vivendo.

Possono partecipare tutti i cittadini di Fara in Sabina che possiedono i seguenti requisiti:

✅ Residenza/domicilio nel Comune di Fara in Sabina;

✅ In caso di cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea, il possesso di un titolo di soggiorno in corso di validità, anche in scadenza nel periodo 31 gennaio 2020 e 15 aprile 2020 in quanto prorogato a norma vigente fino al 15 giugno 2020;

✅ Essere in carico ai servizi sociali comunali; qualora il nucleo familiare non risulti in carico, il Segretariato Sociale ne accerta lo stato di bisogno e procede alla presa in carico mediante il Servizio Sociale Professionale;

✅ Trovarsi in una situazione di bisogno causata dall’applicazione delle norme relative al contenimento della epidemia da COVID-19, previa autocertificazione che ne attesti lo stato, che comporti una sostanziale riduzione e/o assenza di reddito;

✅ Non essere beneficiari di altre forme di sostegno al reddito e alla povertà erogati da enti pubblici ad esclusione di quelle previste dalle norme relative al contenimento della epidemia da Covid-19;

✅ Appartenere ad un Nucleo familiare che non sia titolare di conti e/o depositi bancari o postali complessivamente superiori a € 5.000,00 alla data del 31 marzo 2020;

✅ Appartenere ad un nucleo familiare che seppure titolare di una qualsiasi forma di reddito, versa in una delle seguenti condizioni:

a) Nucleo familiare che sostiene le spese per l’affitto dell’abitazione privata in cui risiede o è domiciliato, e che abbia alla data della domanda una disponibilità economica mensile complessiva, al netto della quota dell’affitto, determinata da redditi di qualunque natura (da lavoro dipendente, autonomo, pensione, Cassa Integrazione, Reddito di cittadinanza…), non superiore a quanto indicato alla Tabella 1;

oppure

b) Nucleo familiare che ha contratto un mutuo per l’acquisto della prima casa dopo il 1° aprile 2019 e non risulti beneficiario della sospensione del mutuo disposto dal Decreto Cura Italia, e che abbia alla data della domanda una disponibilità economica mensile complessiva al netto della quota della rata mensile del mutuo determinata da redditi di qualunque natura (da lavoro dipendente, autonomo, pensione, Cassa Integrazione, Reddito di cittadinanza …), non superiore a quanto di seguito indicato alla Tabella 1;

oppure

c) Nucleo familiare titolare di un’abitazione di proprietà, o comunque in uso a titolo gratuito, che abbia alla data della domanda una disponibilità economica mensile complessiva determinata da redditi di qualunque natura (da lavoro dipendente, autonomo, pensione, Cassa Integrazione, Reddito di cittadinanza…) non superiore a quanto indicato alla Tabella 1.

TABELLA 1: LIMITI MASSIMI DISPONIBILITA’ ECONOMICA MENSILE
Fino a € 350,00 per i nuclei composti da 1 persona
Fino a € 500,00 per i nuclei composti di 2 persone
Fino a € 650,00 per i nuclei composti di 3 persone
Fino a € 800,00 per i nuclei composti di 4 persone
Fino a € 1.000,00 per i nuclei composti di 5 o più persone

✅ Il richiedente non deve aver presentato analoga richiesta presso un altro Comune, né direttamente né attraverso altro familiare convivente.

➡️ Il buono spesa ha un valore di 5 € a persona/giorno, elevabile a 7 € in caso in cui il destinatario sia un minore. Al fine di raggiungere il maggior numero di soggetti possibile il massimo importo concedibile in buoni spesa per singolo nucleo familiare ammonta a 100 € a settimana, per un massimo di n. 1settimane. Le spese per medicinali sono riconosciute con riguardo alla situazione di disagio economico fino a un massimo di 100 €/mese.

➡️ Nel caso in cui le richieste pervenute al protocollo nei termini indicati non siano sufficienti ad esaurire le risorse assegnate dalla Regione Lazio, l’Ufficio Servizi Sociali procederà alla riapertura dei termini di presentazione delle domande, a cui potranno essere ammessi anche i cittadini già assegnatari del contributo a valere sul finanziamento regionale, sino a completo esaurimento del fondo.

➡️Nel caso in cui le risorse finanziarie non siano sufficienti a soddisfare tutte le richieste verrà data priorità a chi dichiara di NON beneficiare né lui né alcun componente del proprio nucleo di altre forme di sostegno al reddito e alla povertà erogati da Enti pubblici e in subordine a chi NON è già risultato beneficiario di buoni spesi erogati con l’avviso di cui all’ordinanza del Capo della Protezione Civile n. 658 del 29.03.2020.
Successivamente verranno prese in esame le domande secondo l’ordine di arrivo al protocollo delle stesse, fino a concorrenza del contributo assegnato al Comune di Fara in Sabina con DGR Lazio n.138/2020.

➡️ Per fare la domanda dovrete sottoscrivere e presentare tramite mail, all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., apposito modulo disponibile online e indicare nell’oggetto: Emergenza Covid – 19. Domanda di ammissione all’erogazione sostegno economico di cui alla DGR Lazio n. 138/2020.

➡️ La consegna dei buoni ai beneficiari avverrà direttamente a domicilio tramite i volontari delle associazioni che fanno parte del Centro Operativo Comunale.