Città di Fara in Sabina

Il Comune informa

Martedì, 11 Aprile 2017 15:17

Revisione liste elettorali

Rievisione semestrale delle liste elettorali.

Martedì, 11 Aprile 2017 15:13

Aggiornamento albi giudici popolari

Aggiornamento albi giudici popolari per la corte d'assise e per la corte d'assise d'appello.

Venerdì, 24 Marzo 2017 10:25

Consiglio comunale del 30-03-2017

Convocazione del consiglio comunale del 30/03/2017 ore 10:00.

Invito all'Evento “Strutture Turistico Ricettive Fara in Sabina” che si terrà il 23/03/2017 alle ore 17:00 presso la Sala Giunta della Delegazione Comunale sita in via Servilia n. 74. 

Venerdì, 24 Febbraio 2017 14:14

Consiglio comunale del 02-03-2017

Convocazione del consiglio comunale del 02/03/2017 ore 10:00.

Martedì, 24 Gennaio 2017 13:40

Consiglio comunale del 30-01-2017

Convocazione del consiglio comunale del 30/01/2017 ore 09:30.

Venerdì, 20 Gennaio 2017 09:28

REGOLAMENTO ADOZIONE CANI

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI TROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE OSPITATI PRESSO LA STRUTTURA CONVENZIONATA

ART.1 Finalità

La finalità del presente regolamento è l’incentivazione dell’adozione dei cani randagi ritrovati e catturati sul territorio comunale e ospitati presso la struttura convenzionata con l’Ente, deputata alla custodia e alla cura di tali animali. I cani randagi presi sul territorio comunali sono trasferiti presso il canile sanitario di zona, per una permanenza temporanea durante la quale l’animale viene dal personale della ASL visitato, curato, sterilizzato per poi essere trasferito presso il canile convenzionato. I cani, sprovvisti di qualsiasi identificazione (tatuaggio, microchip), sono quindi registrati all’anagrafe canina del Comune, identificati con microchip e in attesa di adozione.

ART.2 Modalità di adozione

I soggetti residenti nel comune di Fara in Sabina, che esprimono la volontà di accogliere e adottare un cane in custodia presso il canile convenzionato, possono recarsi presso il Comune, Ufficio Sanità per rivolgere apposita domanda con la quale richiedono l’affidamento, come da modello allegato A) al presente regolamento, completa dei dati informativi del richiedente nonché per la compilazione del questionario pre-affido.

La richiesta potrà essere accolta ad esclusione dei casi in cui risultino, a carico del richiedente, precedenti episodi di maltrattamento di animali ed incapacità alla custodia e detenzione degli stessi.

Il richiedente potrà usufruire dell’assistenza di personale specializzato individuato dall’Ente all’interno di associazioni operanti nel settore, che provvederà a consigliare, tramite anche questionario, il cane più adatto all’affidatario in base alle sue esigenze familiari, lavorative e logistiche e di seguito accompagnarlo al canile convenzionato per un primo incontro con il cane proposto. Durante tale visita il soggetto potrà decidere di procedere subito all’adozione o di tornare per altri incontri (max n.2) eventualmente con il supporto dell’associazione oppure in modalità autonoma.

Se l’adozione andrà a buon fine il cane sarà affidato al richiedente, registrato all’anagrafe canina e l’adottante da tale momento assumerà tutte le responsabilità relative alla custodia e al mantenimento del cane, impegnandosi a rispettare gli obblighi derivanti dalla vigente legislazione, nonché dal presente regolamento del quale riceverà copia all’atto dell’affido.

 

ART.3 Requisiti richiesti per l’affidamento

L’adozione potrà essere effettuata esclusivamente dai soggetti aventi i requisiti sotto elencati:

  1. Maggiore età e se necessita atto di assenso scritto sottoscritto dall’esercente la patria potestà come previsto dalla normativa vigente;
  2. Consenso preventivo a far visionare il cane anche senza preavviso, durante l’anno successivo all’affidamento, alla Polizia locale o alla Guardia zoofila del territorio autorizzata dal Comune, allo scopo di accertare la corretta tenuta dell’animale;
  3. Assenza di condanne penali o di segnalazioni non in forma anonima per maltrattamento di animali.

ART:4 Incentivo per l’affidatario

Il Comune di Fara in Sabina, riconoscendo la funzione sociale dell’affidamento di cani randagi da parte di soggetti privati, ritiene di incentivarla con un “premio adozione” da erogare all’affidatario dopo registrazione all’anagrafe canina che accerta in tal modo la proprietà.  L’incentivo riconosciuto verrà stabilito con successivo atto di Giunta in base alle risorse di Bilancio ed erogato per le spese relative ad alimenti, visite veterinarie e vaccinazioni ovvero per contribuire al benessere del cane per una buona introduzione nel nuovo nucleo familiare. 

ART. 5 Mantenimento dell’animale

L’adottante si impegna a mantenere lo stesso in buone condizioni presso la propria residenza o altro domicilio in precedenza segnalato e a non cederlo per almeno 12 mesi successivi all’iscrizione all’anagrafe canina. Successivamente la cessione a terzi può avvenire solo previa comunicazione all’Ufficio Sanità del Comune di Fara in Sabina.

ART. 6 Verifiche e controlli

L’ufficio comunale preposto provvederà a verifiche periodiche anche senza preavviso, entro l’anno successivo all’avvenuta adozione, avvalendosi della Polizia locale e della Guardia zoofila le quali rilasceranno all’ufficio relazione riguardante le condizioni di detenzione e di salute del cane, e l’effettivo utilizzo del premio erogato.  Nel caso venisse accertato il maltrattamento dell’animale, l’Ufficio provvederà ad effettuare regolare denuncia ai sensi di legge e a revocare tempestivamente l’adozione disponendo il ricovero del cane presso il canile convenzionato. L’affidatario ha l’obbligo di avvisare tempestivamente l’Ufficio Sanità del Comune di Fara in Sabina in caso di smarrimento, decesso o trasferimento di proprietà del cane. Il trasferimento di proprietà è consentito solo dopo un anno dall’adozione e iscrizione all’anagrafe canina, l’affidatario è tenuto a comunicare all’ufficio comunale i dati anagrafici del soggetto privato subentrato nell’adozione, il quale dovrà a sua volta sottoscrivere la scheda di affido. L’affidatario subentrato non avrà comunque diritto all’incentivo proposto ed erogato dal Comune.

ART. 7 Inadempienze e sanzioni

In caso di inadempienza all’obbligo di custodire e di mantenere l’animale in buone condizioni di vita, il beneficiario è tenuto alla restituzione del contributo ricevuto. Il cittadino che per gravi problemi certificati sia impossibilitato durante l’anno successivo all’adozione a continuare a mantenere il cane presso il proprio domicilio/residenza, dietro autorizzazione dell’Ufficio preposto, potrà trovare nuova sistemazione all’animale facendo pervenire tempestivamente i dati del nuovo affidatario.

ART. 8 Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003

Ai sensi del D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") il trattamento dei dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti dell’interessato.

I dati forniti verranno trattati esclusivamente per le finalità riportate nel presente regolamento cioè per le adozioni dei cani randagi ospitati presso la struttura convenzionata, depositati esclusivamente nei nostri archivi e non verranno comunicati o diffusi a terzi (ammesso che non siano associazioni/volontari che collaboreranno nelle adozioni).

 

 

 

Pagina 1 di 14

servizi scuola

Per segnalare eventuali situazioni di rischio corruzione nell’attività amministrativa del Comune, è attivo l’indirizzo di posta elettronica anticorruzione@farainsabina.gov.it. I dati saranno trattati in forma anonima.