Salta al contenuto principale

Città di Fara in Sabina

Mercoledì, 16 Luglio 2014 07:25

Il Medioevo è a Fara con "Castrum Pharae"

Si inaugura venerdì 18 luglio la terza edizione del “Castrum Pharae”, rievocazione storica medievale che per tre giorni animerà il borgo di Fara in Sabina.

Venerdì alle ore 18 presso la Sala consigliare si presenta il secondo livello (aggiornamento) dell’applicazione per smartphone “APPasseggio”; alle 19 apre lo stand gastronomico mentre alle 21,30 gli arcieri di Casperia si esibiscono in piazza Duomo, contornati da artisti di strada e mercatino tematico. Sabato 19 luglio alle ore 18 c’è la presentazione delle contrade, il giuramento dei cavalieri, l’elezione della “Dama Castrum MMXIV” e lo spettacolo degli sbandieratori di Roccantica; alle 19 riapre lo stand gastronomico mentre alle 21,30 inizia la sfilata delle contrade in costume medievale cui fa seguito la disputa a cavallo per la Giostra del Palio della Maddalena accompagnata dai tamburini di Roccantica; la serata di sabato si chiude alle 23 con la premiazione del Palio e lo spettacolo del fuoco. Domenica 20 luglio la giornata inizia alle ore 18 con il laboratorio medievale per grandi e piccini, lezioni di scherma medievale a cura del gruppo storico Mos Ferri; alle ore 21 gli spadaccini si esibiscono in duelli e combattimenti dal vivo; alle 22 c’è la visita della “Fara” al tempo di Federico da Montefeltro, mentre alle 23 la rappresentazione della vestizione del cavaliere.

Per tutti i giorni il borgo sarà allestito a tema medievale, saranno presenti figuranti, spettacoli itineranti, spettacoli di proiezione, mangiafuoco, giocoleria, degustazione prodotti tipici locali, esposizione opere pittoriche, degustazione idromele e birra d’abbazia.

La manifestazione è organizzata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione Proloco di Fara in Sabina.

«Questa manifestazione è un evento culturale, turistico e folkloristico che fa riemergere le radici profonde della nostra comunità. Riproponiamo la storia del borgo attraverso i suoi periodi più intensi e grandiosi, il tutto caratterizzato da cibi e degustazioni di ricette tipiche medievali. Dal periodo longobardo al basso medioevo, ripercorriamo le tappe di Fara attraverso volti, casati, battaglie e tornei riproposti il più fedelmente possibile. Ringrazio la popolazione e tutti i contradaioli in particolare, gli sponsor e le associazioni che si sono prodigate per realizzare questa terza edizione». È quanto dichiara Antonino La Torre, assessore alla Cultura, Turismo, Gioventù, Identità e Tradizioni popolari.