Stampa questa pagina
Martedì, 12 Agosto 2014 14:20

Urbanistica: tutto pronto per i programmi integrati

Il consiglio comunale di Fara in Sabina, nella seduta del 7 agosto, ha approvato a maggioranza l’avviso pubblico per la presentazione di programmi integrati di intervento finalizzati al riequilibrio ed alla riqualificazione urbanistica, edilizia ed ambientale del territorio comunale. Un nuovo strumento in grado di promuovere la formazione di proposte urbanistiche di iniziativa privata, finalizzate alla costruzione della “città pubblica” ed alla pianificazione di quartieri maggiormente sostenibili.

«Consideriamo la pianificazione urbanistica una priorità assoluta per proiettare nel futuro la nostra città. Con l’approvazione di questo nuovo strumento, segniamo una svolta che rilancia una visione armonica di sviluppo, puntiamo a contenere il consumo del territorio e liberare risorse utili per la costruzione della città pubblica; inoltre, sblocchiamo una visione spesso limitativa ed eccessivamente vincolante del vecchio piano regolatore, che è ancora tutto da costruire. Abbiamo intrapreso un percorso che porterà alla redazione di un nuovo piano urbanistico generale ma consideriamo i programmi integrati un passaggio imprescindibile, poiché interveniamo sugli squilibri e i vuoti che ha subito il tessuto urbano di Fara in Sabina. Un altro mattone della nuova idea di città». È quanto dichiara il sindaco Davide Basilicata.

«Questo strumento di programmazione urbanistica è l’unico in grado di innescare una ripresa nel breve periodo. I programmi integrati andranno ad incidere proprio in quelle zone dove il piano regolatore non è stato realizzato, in tutte le frazioni del comune che, di fatto, sono state dimenticate dalla precedente programmazione. Come ho già spiegato in consiglio comunale, le zone agricole non saranno toccate se non per il reperimento degli standard urbanistici. Il risultato finale sarà una ricucitura del tessuto cittadino con il reperimento di risorse per le opere di urbanizzazione primaria, infrastrutture, opere pubbliche; tutto ciò che ad oggi non si è verificato in seguito all’approvazione del piano regolatore, e senza costi a carico dell’amministrazione comunale». È quanto dichiara Mauro Pinzari, vicesindaco e assessoreall’Urbanistica.

A breve l'uscita dell'avviso pubblico per progetti inerenti il soddisfacimento della crescita insediativa, la razionalizzazione del territorio urbanizzato, la riconversione e riorganizzazione di aree dismesse, il potenziamento dei servizi: questi i campi di intervento del nuovo strumento urbanistico voluto dall'amministrazione comunale.