Salta al contenuto principale

Città di Fara in Sabina

Mercoledì, 25 Marzo 2015 11:56

Contro la crisi c'è l'Emporio solidale

Da oggi, chi si trova in una situazione di disagio economico, può usufruire dell’Emporio solidale. Il progetto – promosso dall’Amministrazione comunale di Fara in Sabina, finanziato dalla Regione Lazio e gestito dalla cooperativa sociale Il Pungiglione – ha come obiettivo ampliare l’assistenza alle persone attraverso il recupero delle derrate alimentari in eccedenza dalle scuole e dai supermercati e allo stesso tempo prevenire e ridurre la quantità di rifiuti.

Il servizio ha visto una prima fase di verifica della disponibilità da parte delle strutture donatrici e delle organizzazioni di volontariato per la distribuzione degli alimenti. Hanno aderito all’iniziativa l’Istituto comprensivo Fara Sabina, la CIR Food Italia e la Coop Centro Italia. Grazie a questi tre enti, vengono raccolti settimanalmente alimenti come pane, frutta, verdura; con la collaborazione della Caritas di Passo Corese e Borgo Quinzio, sono ridistribuiti alle persone segnalate dall’ufficio Servizi sociali.

Il progetto ha inoltre permesso l’attivazione di tirocini per due persone con disabilità tramite lo Sportello di orientamento al lavoro per disabili. Queste persone, con il sostegno del tutor, si occupano di recuperare gli alimenti, consegnarli agli enti di distribuzione e tenere aggiornato l’archivio delle derrate raccolte. Al fine di avere un contatto con gli utenti del comune, i tirocinanti sono presenti all’interno dei punti Caritas.

Il cibo raccolto viene distribuito la prima e l’ultima settimana del mese, il martedì, il mercoledì e il venerdì dalle 10 alle 12 presso la Caritas di Passo Corese e una volta al mese presso la Caritas di Borgo Quinzio. Posso usufruirne i cittadini residenti a Fara in Sabina che non usufruiscono dei buoni alimentari. Per richieder il servizio bisogna rivolgersi all’ufficio Servizi sociali consegnando l’attestazione del reddito Isee.

«Abbiamo aderito senza esitazione a questo progetto perché abbiamo intenzione di istituire un banco alimentare per andare incontro alle tante persone che si trovano in difficoltà. Un modo intelligente di fare solidarietà eliminando gli odiosi sprechi di cibo. L’emporio va considerato come un vero e proprio servizio sociale offerto alla città grazie alla sinergia tra comune, grandi aziende e terzo settore. Iniziamo così un percorso che proseguirà dopo la fine del progetto finanziato dalla Regione Lazio». È quanto dichiara Walter Perugini, assessore allo Sviluppo economico, Politiche sociali e Famiglia, Personale.

Per richiedere ulteriori informazioni è possibile recarsi dal lunedì al venerdì dalle 10 alle ore 13 in piazza della Libertà n. 7 (Passo Corese); oppure telefonare al numero 0765.487045 o scrivere all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..